info@chiaraburatti.com
P. IVA 04276450162

“Frames”: le Architetture Possibili re-immaginano gli spazi urbani

“Frames”: le Architetture Possibili re-immaginano gli spazi urbani

Frames | Architetture possibili

Architetture possibili | Frames, di Gino Baldi e Serena Comi a cura di Alberto Ceresoli. Si tratta nella pratica di un’installazione, costituita da delle soglie, dei tendaggi messi sul limitare di piazzetta Angelini in Città Alta a Bergamo.

attraversare la sogliaIn realtà questo progetto è molto di più: è nato per ripensare lo spazio urbano, che non è ancora luogo – secondo la definizione di Marc Augé, il celeberrimo antropologo – e deve essere re-immaginato per diventarlo. La piazzetta infatti non ha uno scopo, un’identità ben chiara, e per questo non è fruita dalle persone: darle un’utilità significa allora farne un luogo vero, con soglie da attraversare.

L’idea di fondo a questo intervento è che l’arte può e deve intervenire anche su temi politica e stimolare un modo attivo di essere cittadini, di partecipare alla cosa pubblica.

Se vuoi leggere l’articolo lo trovi su Artspecialday

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *